Documentazione Polisportiva Spotornese Doc

 

Documentazione Croce Bianca Spotornese Doc

 

 

 

 

 

 

Attachments:
Download this file (Croce Bianca.pdf)Doc28 kB
Download this file (Croce Bianca.pdf)Doc28 kB
Download this file (docPol - Copia.pdf)Doc59 kB

La P.A. Croce Bianca di Spotorno aderisce al Servizio Civile Nazionale. Hai tra 18 e 28 anni ? Ti vuoi rendere utile ? Contattaci al 019.746847 oppure scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Scarica qui la locandina Servizio_Civile_Croce_Bianca_Spotorno  

Settembre 2014 Non poteva che splendere il sole nella mattina di inzio settembre che ha visto il taglio del nastro del nuovo pulmino per disabili, risultato di unico progetto che porta in alto la bandiera dell'assistenza alle disabilità. Alla presenza del sindaco di Vado Ligure Monica Giuliano, il vicesindaco di Bergeggi Luca Gaggero, l'assessore ai Servizi Sociali del comune di Quiliano Pier Lavazelli e l'assessore ai Servizi sociali del Comune di Spotorno Gian Luca Giudice è stato inaugurato il mezzo. Alla breve cerimonia di inaugurazione non sono ovviamente mancati anche gli sponsor che hanno contribuito a rendere possibile il progetto.

pulmino_taglio_nastroIl taglio del nastro tricolore all'inaugurazione

«Oggi è una giornata speciale - ha commentato l'Assessore Gian Luca Giudice del Comune di Spotorno - perché mostra come l'impegno concreto per il sociale da parte di tante persone sia più forte dei tagli e della crisi. Tutto questo è stato reso possibile attraverso una sinergia tra i comuni di Vado Ligure, Quiliano, Bergeggi e Spotorno e i privati che hanno contribuito all'acquisto del mezzo che speriamo possa essere di aiuto a tanti cittadini che ne hanno bisogno. In particolare per il territorio di Spotorno desidero ringraziare gli sponsor Animalia Store, Erboristeria Artemisia, Impresa Ferrelli, Ristorante A Sigogna, Hotel Tirreno, Ristorante Luna e Laltra.». E proprio per il grande risvolto sociale era presente anche il parroco di Vado Ligure, don Giulio Grosso che ha rimarcato come il nuovo mezzo a disposizione «sia frutto di una volontà di non fermarsi di fronte alle difficoltà della crisi ma sia il desiderio di far fronte comune alle necessità di un'ampia fetta della popolazione». Pubblico e privato insieme per fornire assistenza alle disabilità, ma non solo. Il nuovo pulmino messo a disposizione dell'Ambito Territoriale Sociale 26 dalla Società PMG servirà anche come mezzo di accompagnamento per anziani.  

Sede e contatti Piazza U. Foscolo, 1 17028 Spotorno Tel. 019/741277 E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione

L'associazione è nata il 15 luglio 2002. ed ha depositato il proprio atto costitutivo, nonché lo statuto presso l'Ufficio delle Entrate di Savona dove è stato regolarmente iscritto il giorno 18 luglio al n. 4325. E' iscritta all'Albo Regionale del Volontariato dal Luglio 2003 ed è riconosciuta come ONLUS. Il settore nel quale l'A.Ge. intende svolgere la sua azione è quello culturale, con lo scopo di promuovere una formazione extrascolastica sia dei genitori che degli alunni anche nel campo del sociale. La nostra associazione fa parte della Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori, denominata anch'essa A.Ge. con sede in Roma, via F. Baldelli n. 41. A livello nazionale l'A.Ge (Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori) fu fondata nel 1968 ed è, da allora, una presenza rappresentativa delle esigenze delle famiglie presso le istituzioni ed ha ottenuto anche il riconoscimento da parte del Ministero della Pubblica Istruzione. Per maggiori informazioni visita il sito .

Sede e contatti

Via Puccini, 2 17028 SPOTORNO SV Tel. 019-743333 Fax 019-7416196 Cell. 340-8972558 Cod. Fisc. 92042990090 (5xmille) Sito internet: www.aibspotorno.com e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Si comunicano inoltre i numeri di telefono dell’Associazione per la reperibilità H24 secondo la seguente priorità: 1. 340/8972558 2. 340/8972557 3. 340/8972569

La nostra storia

E’ stata costituita ufficialmente il 23/10/1993, anche se già dai primi anni ‘70 esisteva una squadra antincendio boschivo comunale, a cui appartenevano gran parte dei fondatori dell’attuale Associazione. Essa si propone, fra l’altro di: promuovere ed organizzare, da sola o in collaborazione con altri Enti ed Organizzazioni, iniziative, attività e manifestazioni volte al rispetto verso l’ambiente naturale, l’educazione ambientale, la prevenzione, la lotta agli incendi boschivi e l’intervento diretto o indiretto in caso di emergenza o calamità naturali; gestire impianti e strutture, anche a carattere pubblico, idonei allo svolgimento della propria attività, nel rispetto delle leggi vigenti; stipulare convenzioni e/o collaborare con Enti, Associazioni, Fondazioni ed altre Organizzazioni che operano nel settore dell’educazione, della difesa ambientale, e dell’ecologia. Ha sede a Spotorno in Via Puccini n° 2 ed i propri recapiti telefonici sono: 019/743333 - Fax 0197416196 Dal 1995 è iscritta nel registro regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Liguria, al n° AM-SV-PAVA-03/95, e dal 03/09/1995 è iscritta nell’elenco delle organizzazioni di volontariato della protezione civile istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile. Aderisce ed è fondatrice della Federazione Ligure Antincendi Boschivi (F.L.A.B.). Ad essa aderiscono complessivamente 50 soci; è dotata di una autovettura FIAT Panda 4x4 e un Land Rover Defender per il trasporto delle persone, di un veicolo speciale BREMACH 4x4, un fuoristrada Mitsubishi L200 e un Nissan King cab con moduli antincendio. Ultimo acquisto dell'Associazione sovvenzionato dalla Fondazione "A. De Mari" un Land Rover Defender 110 attrezzato con modulo antincendio di ultima generazione capace di utilizzare schiumogeno ritardante. Fra le attrezzature in dotazione, spiccano un motogeneratore della potenza massima di 7kW, una pompa idrovora a scoppio della portata di 1200 litri/minuto, N2 elettropompe della portata di 300 litri/minuto, motoseghe, decespugliatori, motolampade, tutte utilizzabili anche in interventi di protezione civile. Oltre agli interventi di estinzione degli incendi boschivi, l’Associazione A.I.B. si impegna anche nella prevenzione degli stessi, mediante ricognizione del territorio, pulizia di sentieri ed aree ad alto rischio. Inoltre organizza giornate di informazione, sensibilizzazione ed esercitazioni di evacuazione presso tutte le locali scuole (Materne, Elementari e Medie), in collaborazione con la locale P.A. Croce Bianca. Fra gli interventi nell’ambito delle calamità naturali, oltre a portare soccorso alle strutture locali colpite negli anni scorsi da alluvioni, ha collaborato assieme alle altre Associazioni di Volontariato della Provincia di Savona, alla realizzazione e gestione di un campo container nel Comune di Foligno (località S. Giovanni Pro Fiamma), a seguito del sisma del 1997; inoltre è intervenuta con i propri militi durante l’alluvione del Piemonte del 1994, prestando la propria opera a favore delle popolazioni di Alessandria e S. Stefano Belbo. E' intervenuta come parte integrante della colonna mobile della Regione Liguria in occasione del terremoto avvenuto in Molise nel 2002 . I nostri militi hanno partecipato alla gestione del campo base nel Comune di Campolieto. Ha partecipato nel comune di Roma durante i riti celebrativi per il nuovo Pontificato di Papa Benedetto XVI. La nostra Organizzazione è stata tra le prime a giungere nelle zone terremotate dell’Abruzzo per il sisma del 6 Aprile 2009. Abbiamo partecipato attivamente all’allestimento dei campi di accoglienza nel Comune di Tione degli Abruzzi e nella frazione di Santa Maria del Ponte , fornendo supporto con la Colonna Mobile di Protezione Civile della Regione Liguria. E per ultimo la nostra Squadra è stata impegnata recentemente nei gravi incendi boschivi che hanno interessato la Liguria nello scorso settembre. Ad oggi siamo una grande realtà operativa con Volontari disponibili H24 addestrati e formati dalla Provincia di Savona pronti ad intervenire in qualsiasi Emergenza Provinciale o Nazionale.

Sede e contatti

Legazione di Spotorno “Leo Cappello” Via Aurelia, 119 17028 Spotorno Tel. 335.12.30.661 Fax 019 . 80.67.97 Sito www.anmicliguria.it Comitato Provinciale di Savona

Cosa fa

L'A.N.M.I.C. (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) è l' Ente morale che per legge - Decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978 - ha il fine di rappresentare e tutelare gli interessi morali ed economici dell'intera categoria degli invalidi civili.

Chi riguarda

Invalido civile è ciascun soggetto affetto da qualsiasi minorazione psico-fisica, congenita o acquisita purché non dipendente da cause di guerra, lavoro o servizio. La nostra Associazione è perciò la maggiore organizzazione di settore, sia per il numero di associati (circa 300mila), sia per l'ampiezza delle tipologie di disabilità interessate (non legate alle singole patologie).

Una lunga storia

L'A.N.M.I.C. è stata fondata sin dal 1956 da Alvido Lambrilli, che l'ha diretta per oltre 40 anni, aprendo la strada nel nostro Paese al superamento dei pregiudizi culturali sull'handicap, al riconoscimento giuridico della categoria degli invalidi civili e alla rivendicazione di pari opportunità per questi cittadini. Grazie infatti al suo impegno e alle continue battaglie sociali intraprese - dalle storiche "Marce del dolore" per i diritti civili dei disabili negli anni '60 alle successive manifestazioni di piazza - l'Associazione ha mantenuto nel tempo una costante capacità di proposta legislativa e politica a tutela dell'handicap.

I diritti conquistati

In concreto, l'A.N.M.I.C. ha contribuito a elaborare e far approvare tutta la legislazione italiana oggi vigente nel settore dell'invalidità civile; dalla prima legge sul collocamento obbligatorio al lavoro dei disabili nel 1968 alla legge 118 del '71 sull'assistenza sanitaria, protesica, economica e riabilitativa; da quella sull'abbattimento delle barriere architettoniche fino alla legge 18 del 1980 che ha istituito l'indennità di accompagnamento per i disabili gravi.

Un impegno costante

Di queste norme che oggi assicurano diritti e pari dignità al cittadino invalido l'A.N.M.I.C. difende oggi l'applicazione, sia sul piano sindacale che legislativo ed operativo. Più in generale, difende la qualità di vita dei cittadini disabili e promuove nel Paese il loro ruolo come risorsa per l'intera collettività, rappresenta pertanto un irrinunciabile interlocutore della società civile e delle stesse istituzioni in materia di handicap.

Obiettivi

L'A.N.M.I.C. tutela i cittadini disabili in ogni circostanza e vigila sulle amministrazioni pubbliche affinché attuino gli obblighi civili e sociali assunti nei loro confronti. Rivolgendoti alle nostre sedi potrai avere informazioni dettagliate sui tuoi diritti e su come farli rispettare.

Servizi

L'Associazione è a disposizione di ogni cittadino con handicap per aiutarlo a risolvere i suoi eventuali problemi di: - collocamento al lavoro - tutela e agevolazioni all'inserimento - assegno mensile - pensione di invalidità - assegno di accompagnamento - assistenza sanitaria e protesi - integrazione scolastica - abbattimento delle barriere architettoniche - agevolazioni fiscali - problemi di mobilità e patenti speciali

E' presente

Nell'ambito della sua attività di tutela l'Associazione è rappresentata: - in tutte le Commissioni mediche per il riconoscimento dell'invalidità civile; - nelle le Commissioni del collocamento al lavoro; - nella Commissione ministeriale per il Nomenclatore tariffario delle protesi presso il Ministero della sanità; - Aderisce inoltre alla Fand (Federazione tra le Associazioni nazionali dei Disabili) che raggruppa le associazioni "storiche" dei disabili italiani (A.N.M.I.C., UIC, ENS, ANMIL, UNMS). - A livello internazionale è membro della Fimitic ( Federazione internazionale delle persone con disabilità fisica) e del Cidue (Consiglio italiano della disabilità per i rapporti con l'Unione Europea).

Dà informazioni

Per rappresentare il punto di vista degli invalidi nel mondo della comunicazione, ma soprattutto per informare i suoi associati, le istituzioni, il mondo del non profit, l'A.N.M.I.C. pubblica il mensile nazionale Tempi Nuovi: l' house-organ associativo che è oggi divenuto fra i maggiori periodici di informazione sociale, grazie anche alla sua tiratura media mensile di 170mila copie.

Dove siamo

Genova

VIA MONTEVIDEO 6 INT.2 Tel. e Fax 010.31.06.482 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Imperia

VIA DELLA REPUBBLICA 29 Tel. 0183.29.09.24 Fax 0183.29.09.26

Savona

VIA TASSO 4/R Tel. 019.800.450 Fax 019.806.797 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Spotorno (Sv) Legazione

via Aurelia 119 Tel. 335.12.30.661 Fax: 019.80.67.97 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Spezia

VIA CAVALLOTTI 41 Tel. 0187.206.48 Fax: 0187.73.58.78 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede e contatti

c/o Cav. Uff. Silvano Saggin tel. 019.747534 cell. 340.9641421 Via Alla Rocca 14-4 17028 Spotorno (SV)

Sede e contatti

Sottosezione di Spotorno COL. "Angelo Ravagli" c/o Rosario Volpe Via Orazio 6 17028 Spotorno (SV)

Sede e contatti Via S. Caterina 6 17028 Spotorno (SV) http://www.centrosocialeanzianispotorno.it/

Informazioni

Il centro anziani ha circa 500 soci, alcuni dei quali sono ospiti che vengono saltuariamente e nel periodo estivo. L'anziano trova nel centro: a) sala giochi per carte, scacchi, dama, tombola, ecc. b) saletta per riunioni, saletta per ascoltare/fare musica c) biblioteca con numerosi volumi d) segreteria con piccolo ufficio e) mansarda attrezzata per attività manuali (lavorazione creta, ceramica, pittura) f) quattro campi per il gioco da bocce g) bar per i soci e ospiti h) posto di cottura per spuntini e merende

Sede e contatti

Via Pavia - Spotorno (SV) Tel Marco 348 4768588 Leo 347 9185401 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.amicididjango.com

Sede e contatti

c/o Via Genova 5 - 17028 Spotorno (SV) Tel. 328.1319107 – 329.6214397 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito: www.ilsolesullaterradelgolfo.it

Prossimi eventi

L’Associazione organizza per il prossimo 2 maggio 2008 una conferenza divulgativa informatica presso la Sala Convegni di Spotorno, di libero accesso alla cittadinanza, sul tema Internet e dintorni. Il relatore sarà il giornalista informatico Paolo Attivissimo (www.attivissimo.net). Verranno esposti i lati buoni e oscuri della rete internet, in particolare sarà esaminato l’approccio dei giovanissimi al mondo on line. L’associazione, che quest’anno compie 10 anni, sarà presente alla Festa delle Associazioni in Piazza della Vittoria di Spotorno che si terrà nel mese di maggio presentando i “Sapori del Sole”.

Hai bisogno di aiuto?

Alle persone anziane sole o ammalate Hai bisogno di un aiuto? chiamaci al numero 349.8146076 dal lunedi al venerdi ore 09.00 - 11.00 TI DAREMO UNA MANO
  • assistenza agli anziani
  • assistenza psicologica ai familiari
  • assistenza alle persone anziane sole o in difficoltà
  • consegna diurna domiciliare farmaci sul territorio comunale (Farmacia Citriniti) tel 019.745342 - fax 019.741176
 

Per consultare tutte le informazioni inerenti l'Associazione, cliccare sul link associazione-sportiva-dilettantistica-ginnastica-libera-sito-comune                

Sede sociale e contatti Via Aurelia 119 17028 Spotorno Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Seguici su Facebook www.facebook.com/proloco.spotorno

Sede e contatti: Via Garibaldi nr. 20 Recapito cell. 340 3737100 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

calendario annuale_base 2019 AVIS

 

 

Sede e contatti

Via Berninzoni 124 17028 Spotorno (SV) E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.nereosub.com

Informazioni

L'attività svolta prevede corsi di Subacquea, escursioni subacquee di snorkeling, e gite in barca. Presso il centro immersioni sono operativi i servizi di noleggio attrezzatura subacquea e ricarica bombole. Periodo di operatività: tutto l'anno Convenzioni per gruppi.

Sede e contatti

VIA CAVOUR 22 - 17028 SPOTORNO (SV) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. sito www.repubblicadelpesto.it

Informazioni

La Repubblica del Pesto è un'associazione fondata nel 2002, che opera allo scopo di promuovere la cultura del benessere, attraverso la valorizzazione del territorio e la riscoperta delle tradizioni. Nell'arco dell'anno le sue Case dell'Ospitalità organizzano settimane culinarie con speciali menù a tema. Nel mese di ottobre viene celebrato l'anniversario di fondazione con 2 giornate di festeggiamenti nella piazza principale di Spotorno; in quell'occasione, oltre a musica, stand gastronomici e giochi per bambini viene svolto il rituale della preparazione collettiva del Pesto: tutti i presenti, muniti di mortaio e pestello, sotto la guida del Mastro Cerimoniere, preparano il Pesto secondo la vera tradizione locale. La Repubblica del Pesto informa che i festeggiamenti per l'anniversario di fondazione, previsti per i giorni 1 e 2 ottobre sono annullati. Il rituale del Pesto si terrà, a partire da quest'anno, nel mese di maggio in concomitanza con la festa delle associazioni e del gemmellaggio. Dal 24 al 2 ottobre sono previste le serate gastronomiche dedicate al pesto, presso le nostre case dell'ospitalita'.

Sede e contatti

"SS. Annunziata e S. Caterina" Via SS. Annunziata 15 17028 SPOTORNO SV email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni

La posizione è certo molto suggestiva; a Spotorno, in via SS. Annunziata, 15, si trova l'oratorio dedicato – appunto – all'Annunciazione di Maria Vergine. La costruzione è sede dell'omonima Confraternita e di ciò si ha notizia da una copia del verbale di riunione datato 17 Gennaio 1617, approvato dal governatore di Savona il 9 Maggio 1670, il quale si trova allegato ad una copia dei Capitoli. La Chiesa ha un'origine incerta: alcuni elementi fanno pensare che sia stata eretta tra la fine del secolo XVI e l'inizio del secolo XVII; recentemente, durante un sopralluogo per accertare le condizioni del tetto di copertura dell'Oratorio e della volta su cui poggia, alla base di un pilastro di sostegno della struttura è stata rinvenuta una data (1665) che potrebbe indicare l'anno effettivo di costruzione della Chiesa. Oggi forse, parlare di Confraternite, di Confratelli, di persone che si riuniscono e decidono di avere come loro principale scopo il mantenimento delle opere d'arte tramandate dagli avi e, al tempo stesso, l'opera di volontariato per mantenere vive quelle tradizioni di fraternità e amore fra tutti i cristiani, beh, può sembrare anacronistico. Basta però varcare il cancello e transitare per il sagrato – rifatto completamente a nuovo tra il 1998 e il 1999 – e subito ci si sente attratti da questa piccola ma deliziosa chiesa, posta sulla prima collinetta, subito alle spalle del vecchio borgo marinaro. La pianta della chiesa è tradizionale: si tratta appunto di un oratorio a navata unica con ai lati le panche per i Confratelli e nel mezzo le sedie per i fedeli: arredamento tipico dei Disciplinati. La pianta è centrale e vi si trovano due altari ai lati di quello principale; sulla destra vi è una nicchia che custodisce la Cassa dell'Annunciazione, opera attribuita alle felici e operose mani di Anton Maria Maragliano – e recentemente restaurata con magistrale abilità dello studio Marchi di Genova – che raffigura una Madonna quasi stupita dalla presenza dell'Angelo che le annuncia il suo futuro: lo sguardo di Maria sembra domandare: ma sono proprio io ? Non merito tanto … E pensare che la statua, negli anni, è diventata la Patrona di Spotorno. I commenti comunque sono personali: ognuno può pensare quello che vuole, anche solo che si tratta di un'opera d'arte avulsa da significati religiosi. Resta comunque il fatto che non si può rimanere in silenzio di fronte a questa realizzazione. Che, d'altra parte, non è la sola: ai lati dell'ingresso si possono osservare quattro Crocifissi professionali, per intenderci quelli che sfilano, durante l'estate, portati dai “cristanti” nelle Processioni che si svolgono in tutta la provincia di Savona – e anche fuori di essa. I Confratelli hanno dato loro un nome: il primo a sinistra è quello dedicato all'oratorio: la SS. Annunziata (circa 70 kg.); di fronte campeggia La Croce più grande e maestosa (circa 85 kg.): quella realizzata nel 2000 in occasione del Giubileo: A fianco di quest'ultima si trova quella dedicata a S. Caterina (circa 85 kg. anche lei)– l'altro oratorio di Spotorno: ne parleremo in seguito – e, di fronte a quest'ultimo, la Croce che più di tutte “viaggia”: quella che i cristanti portano spesso in processione (circa 60 kg.); necessita di un deciso restauro e presto – speriamo – lo otterrà, ma è quella, in fondo, alla quale siamo più affezionati: e la chiamiamo “il trasferta” apposta per il compito che assolve, per la verità in modo molto dignitoso ed efficace. A volte in Chiesa campeggia anche una Croce più piccola ma non per questo meno suggestiva: è quella meno adorna di argenti e, in fondo, più vicina al vero spirito cristiano di semplicità ed umiltà; noi la chiamiamo affettuosamente “Cristo della Salute”. Pesa poco più di trenta kg ed è caratterizzata da una immagine di Gesù spirante, quindi non ancora morto con il capo reclinato, ma quasi in attesa di una risposta divina e sembra quasi trovarsi nel momento in cui grida “Dio mio, perché mi hai abbandonato”. Alcuni, in verità non a torto, pensano che si tratti della Croce più bella di tutte. Ma si sa, nel campo artistico non basta definire un'opera “bella”: bisogna anche definirne le motivazioni, che non devono mai essere personali ma devono incarnare una schietta obiettività. Nell'oratorio però non ci sono solamente gruppi lignei o Crocifissi: molti sono anche i quadri, risalenti tutti tra il quindicesimo e il diciottesimo secolo: adornano l'Oratorio alcuni prestigiosi quadri di pittura genovese seicentesca, l'artistica “cassa” professionale della “SS. ANNUNZIATA” e numerosi “ex voto” marinari: dipinti di scene di mare, nei quali, curiosamente, non appare mai la figura della Divinità Salvatrice, e modellini di velieri realizzati, vuole la tradizione, da singole persone per devozione dovuta a particolari grazie richieste ed ottenute.. Entrando in Chiesa, a cominciare dalla parete destra, si trova un quadro di pittore ignoto, di stlie seicentesco, raffigurante L'ANNUNCIAZIONE. Proseguendo si vede lo SPOSALIZIO DI MARIA SS. E S. GIUSEPPE, firmato da Giulio Benso di Pieve di Teco e datato 1659. In fondo, vicino all'altare di destra, si trova la NASCITA DI MARIA SANTISSIMA, opera di Giovan Battista Merano (1632-1700). Nella nicchia è presente L'ANNUNCIAZIONE, scultura lignea, opera di Anton Maria Maragliano (Genova 1664-1739). Sull'altare maggiore, in una apposita nicchia, si trova il gruppo ligneo MADONNA E ANGELO NUNZIANTE, pregevole opera cinquecentesca, di fattura molto semplice e ancora non pregiatamene adorna e delicatamente mossa come quella del Maragliano. In essa l'angelo e Maria occupano posizioni ben precise e definite, quasi, se si vuole, isolate fra di loro, mentre il Maragliano inserisce le due personalità in un campo molto movimentato, quasi pulsante, nel quale non si riesce a capire quale delle due figure sia quella che si erge di più, quella più importante. Ai lati dell'Altare Maggiore si trovano due altari minori, ornati con le statue di S. Sebastiano e S. Rocco. Proseguendo dall'altare verso il fondo della chiesa, a sinistra, sulla parete sinistra troviamo l'affresco LA NATIVITA', di Domenico Piola, le cui firma e data (1669) sono visibili in basso sulla raffigurazione di un barile. Segue l'affresco L'ASSUNZIONE, ancora di Domenico Piola, la cui firma e data (1664) è visibile in basso vicino alla raffigurazione di una chiave. In fondo alla chiesa si trova un affresco di pittore ignoto raffigurante la Crocifissione, sempre del periodo seicentesco. Sopra l'ingresso si trova una grande tela della CENA DOMINI di Giovan Battista Rosso (1512-1604). Da pochi giorni è possibile ammirare, alla destra dell'altare principale, anche un quadro raffigurante L'ANGELO CUSTODE, di ignoto autore seicentesco. Questo quadro un tempo si trovava nell'oratorio di S. Caterina, entrando a sinistra; grazie all'intervento della Sovrintendenza alle Belle Arti di Genova, è stato oggetto di radicale restauro ed è stato collocato presso l'oratorio della SS. Annunziata perché, purtroppo, l'oratorio di S. Caterina è spesso chiuso e anche esso … necessiterebbe di urgenti restauri strutturali: sarebbe un vero peccato che la forte umidità che trasuda dai muri dell'oratorio vanificasse la pregevole opera di valorizzazione del quadro Quasi tutte queste opere sono state restaurate negli anni scorsi grazie all'opera fondamentale della Fondazione CARISA, con l'avallo dalla Sovrintendenza alle Belle Arti di Genova. Caratteristica comune a tutti gli oratori sono poi gli “ex voto”. E anche l'oratorio della Santissima Annunziata non viene meno a questa tradizione: lungo le pareti della chiesa e all'interno della nicchia che conserva la Cassa si possono osservare degli “ex voto” che rimandano un po' a tutta la storia della Confraternita. Si va dal classico cuore in argento al quadro raffigurante una guarigione,, per non parlare poi dei meravigliosi modellini di nave, realizzati dagli spotornesi che, per lo più per il loro lavoro di pescatori, uscivano in mare sempre, con tutti le condizioni meteorologiche, buone o avverse, e per i quali il rientro sani e salvi a casa speso era da addebitare ad un benevolo intervento divino. Da qualche anno questi modellini sono stati messi dentro alcune bacheche costruite apposta. Questo soprattutto per tutelare gli oggetti, molto pregiati, dalle intemperie e dal la polvere che il tempo purtroppo deposita loro sopra. Inoltre essi sono stati tutti schedati dalla Sovrintendenza alle Belle Arti, e questa opera di elencazione li tutela dall'oblio che il tempo potrebbe loro causare. In verità l'oblio sta cominciando a far sentire il suo devastante effetto nei confronti dell'altro Oratorio presente a Spotorno, quello dedicato a Santa Caterina, che sovrasta, seppur con la sua piccola pianta centrale, il parco Ponticello. La carenza di parroci, i problemi gestionali della Confraternita e, forse, uno spirito cristiano un po' indebolito hanno fatto sì che, negli anni, questa piccola chiesa sia stata progressivamente “dimenticata” e oggi vi si celebrino due o tre funzioni all'anno, oltre alla recita del SS. Rosario nel mese di Maggio e in occasione di qualche veglia funebre. La costruzione non presenta, in verità, molti motivi di attrazione turistica, se si esclude la lunetta in ardesia posta sopra la porticina di ingresso laterale, che probabilmente risale al 1400 e raffigura gli “incappucciati”, i confratelli di tanti secoli fa, nello svolgimento di una funzione. Si può osservare che la finestra sopra alla facciata principale, a forma di croce greca, “anticipa” in un certo senso, quella che sarà la pianta interna della chiesa, a croce greca con un delizioso coro tutto intorno alle pareti e un altare piccolo ma suggestivo, sopra il quale campeggia un piccolo ma molto bel crocifisso. Si deve comunque ancora ricordare che, negli anni d'oro, per così dire, delle Confraternite, la Chiesa di S. Caterina era la sede della seconda Confraternita di Spotorno. Proprio così: a Spotorno erano presenti – e operanti – due confraternite. I confratelli, con il passare del tempo, hanno deciso di unire i loro sforzi, fino a rimanere, come oggi, riuniti tutti nell'unica confraternita rimasta, quella della Santissima Annunziata, che cerca di gestire entrambi gli oratori. Una descrizione molto sommaria potrebbe concludersi qui; in fondo non siamo degli esperti di arte o di storia e ci limitiamo a parlare di ciò che conosciamo. Ma tutto ciò viene amministrato da una Confraternita, composta da più di centoventi iscritti ma che in realtà annovera come assidui e presenti frequentatori – purtroppo – non più di una ventina di persone, che si dividono equamente le “cariche” necessarie per l'ordinaria amministrazione; priore, vice priore, segretario, cassiere, consiglieri, responsabile della Cassa, responsabile dei Cristanti e dei Crocifissi, responsabile dei rapporti con il parroco, sono tutti compiti che ogni anno vengono ridistribuiti mediante regolari votazioni alle quali partecipano tutti gli iscritti. Ovviamente queste “cariche”, pur fondamentali ed importanti per il regolare funzionamento della Confraternita, non hanno valore “politico”: il Priore non “comanda” alcuno, ma serve a coordinare tutti i Confratelli, che decidono sempre in comunità e comunque cercando di essere anche in armonia durante i consigli direttivi, convocati a seconda delle necessità. Abbiamo parlato delle attività dell'oratorio. Ma quali sono? Innanzi tutto la Santa Messa: tutte le Domeniche alle ore 9.00 – nei mesi di Luglio e Agosto alle ore 8.00 - , viene celebrata dal parroco di Spotorno, don Beppe, che da qualche tempo viene aiutato nella sua opera pastorale da don John,. Essi, tutte le Domeniche, portano fra le mura dell'oratorio la Parola di Dio, commentata con dovizia di parole e precisione nei concetti, e grazie al quale, in fondo, l'Oratorio assolve al suo compito principale. Non dobbiamo dimenticare però il coro, valida colonna che contribuisce a rendere ancora più suggestiva ogni Celebrazione Liturgica, e il gruppo dei cristanti, o portatori di Crocifissi, che si allenano ogni settimana per portare negli appositi “crocchi” le Croci descritte in precedenza, durante le varie processioni che si susseguono nei paesi limitrofi per tutte l'estate. Per non parlare dei portatori della Cassa, i quali non hanno bisogno di allenamenti continui, ma sono sempre presenti in massa nei giorni precedenti la Festa del Paese e grazie a loro la magnifica composizione lignea del Maragliano può essere ammirata da tutti gli spotornesi e tutti i turisti interessati che una volta l'anno si ritrovano insieme durante la Processione. A coordinare l'attività dell'Oratorio provvede un consiglio direttivo, composto dai confratelli che più di altri, per passione o semplicemente … per maggior tempo libero partecipano e gestiscono le attività. La riunione di questo consiglio è pressoché mensile, anche se, in prossimità della Festa patronale, capita di riunirci anche una volta alla settimana. I membri del consiglio cambiano ogni anno, o meglio cambiano i compiti perché le persone, purtroppo … sono sempre le stesse; e questa è una tradizione utile: ognuno si adopera in compiti vari e capisce così quali sono le difficoltà dell'altro, in modo tale da non giudicare gli altri prima di essersi giudicato da solo. Certo, lo si è detto: i Confratelli ci sono e si impegnano. Ma la necessità di nuovi stimoli, nuove forze, giovani che abbiano voglia di impegnarsi è sempre forte. Da molti anni ormai si assiste ad un sempre maggiore allontanamento della gente – e dei giovani – dalla Chiesa e da tutte quante le attività ad essa correlate. Sarebbe auspicabile una inversione di tendenza, che noi tutti desideriamo e aspettiamo, cercando, da parte nostra, di impegnarci al massimo per dare il “buon esempio”.D'altra parte, quando tra le persone che si riuniscono con uno scopo come il nostro esistono rispetto reciproco, collaborazione, identità di diritti e doveri e, soprattutto, voglia di fare, anche se i risultati, a volte, sono un po' avari, tuttavia lo spirito di gruppo è forte, così come forte risulta essere la voglia di non farsi mai prendere dallo sconforto ma di vedere sempre il lato positivo in ogni situazione. E possiamo garantire che, quando alla fine si ottiene qualche risultato, la soddisfazione morale è tanta. Alla fine di ogni processione i Cristanti sono lieti di avere fatto il loro dovere di portare in Processione l'immagine del Cristo; in particolare quest'anno tutti siamo stati lieti quando la Cassa del Maragliano è stata restaurata, grazie soprattutto al fattivo intervento del Lions Club di Spotorno-Voze-Noli-Magnone. Non so se chi abbia avuto voglia di incominciare a leggere questo scritto sia arrivato fino qui. Ce lo auguriamo e, soprattutto, speriamo che presto venga a farci visita nell'Oratorio: le parole sono belle, ma i fatti e le azioni rendono tutti più soddisfatti. Per queste persone riportiamo di seguito alcune notizie forse utili: • L'oratorio è aperto tutte le Domeniche per la Messa delle ore 9.00 – Luglio e Agosto alle ore 8.00 - ,preceduta dalla recita del SS.Rosario, circa 30 minuti prima della Funzione. Al termine della Messa i Confratelli rimangono nell'Oratorio per circa un'ora. • Di norma al Giovedì sera alle ore 21.00 i Cristanti si esercitano nel loro compito, per circa due ore. A volte si prova il Mercoledì, mentre di solito le prove sono sospese da Dicembre ai primi di Marzo. • Il Coro prova il Martedì ed il Venerdì alle ore 21.00 • La Festa Patronale del Paese si svolge il 25 di Marzo – Festa della SS. Annunziata – e viene “ripetuta”, per così dire, il terzo sabato del mese di Giugno, giorno in cui si tiene anche la Processione per le vie del paese con la Cassa e gli Artistici Crocifissi. Ovviamente noi Confratelli siamo a disposizione per ogni eventuale informazione aggiuntiva. Scarica la brochure in formato PDF

Sede e contatti Tel. urg. 019-745090 Segr. e Fax: 019-746847 sito http://crocebiancaspotorno.too.it/
torna all'inizio del contenuto