965883648

 

Dopo numerose segnalazioni e richieste da parte di cittadini e attività commerciali del centro storico del paese, in merito a ripetuti e frequenti casi in cui la vivibilità del centro storico e l’utilizzo dei dehor delle attività commerciali - già alle prese con l’emergenza coronavirus - sono messe in difficoltà dai crescenti episodi di ineducazione di alcuni proprietari di cani che non si curano di quanto i loro animali depositano nei luoghi pubblici, anche in considerazione della delicata situazione in cui in questo particolare momento si vive, è stata emessa ordinanza come da oggetto che richiama alcuni obblighi già contenuti nel regolamento di igiene urbana ed inserisce anche l’obbligo di risciacquare con acqua anche le deiezioni liquide (obbligo che sarà poi inserito anch’esso nel regolamento).

L’ordinanza - che trovate in allegato - obbliga a:

  • I proprietari o i detentori di cani sono tenuti alla raccolta ed alla pulizia delle deiezioni emesse dai loro animali in modo tale da evitare l’insudiciamento delle vie e dei vicoli del centro storico.
  • E’ fatto obbligo a chiunque conduca il cane di raccogliere le deiezioni solide prodotte nonché di lavare immediatamente i liquidi prodotti dalle minzioni ed i residui delle deiezioni solide.
  • A tal fine gli accompagnatori dei cani debbono condurli al guinzaglio, al fine di poterne controllare i comportamenti, e devono essere muniti di sacchetti, o altra attrezzatura idonea all’asportazione delle deiezioni solide, e di acqua con cui ripulire depositi di urine e/o residui di deiezioni.
  • Sono esentati i conduttori non vedenti accompagnati da cani guida e particolari categorie di portatori di handicap impossibilitati all’effettuazione della raccolta delle feci ed alla pulizia dell’urina.
  • L’obbligo di lavare immediatamente le deiezioni liquide e lo sporco lasciato dalle deiezioni solide è sospeso nei giorni di pioggia.

 
L’ordinanza è valida sino al 15 Settembre 2020

torna all'inizio del contenuto